Le materie scolastiche di domani - Parte 2: Fare con le mani

Come imparano i bambini a usare la loro volontà? Agire in modo controllato? Diventare persone autodeterminate? Come imparano a camminare i bambini? Come impari a parlare? È facile: i bambini fanno queste cose!

Gli scienziati dell'area di ricerca si occupano di questo e di altri contenuti Cognizione incarnatache può essere approssimativamente tradotto come "movimento fisico". La principale domanda di ricerca è come il pensiero superiore si basi sulle esperienze fisiche. Una cosa è già prevedibile: afferrare con le mani è una componente essenziale per lo sviluppo sensomotorio e cognitivo dei bambini.

Più spesso i bambini fanno qualcosa con le dita, ad esempio contando con le dita, più in forma diventano man mano che invecchiano, e non solo in matematica. I bambini saranno in grado di pensare meglio agli oggetti o persino filosofare su questi oggetti più avanti nella loro vita se li conosceranno toccandoli - aggrappandosi a un ramo, afferrando un giocattolo di legno o la semplice consapevolezza che un chiodo può ferire - tutto questo allena le abilità dei bambini e per questo bisogna confrontarsi con il mondo reale e non scorrere su un display con sempre lo stesso movimento della mano, con sempre lo stesso feedback sensoriale inesistente. In quale altro modo i bambini possono imparare che l'alluminio o il legno sono diversi da un panno?

Come disse una volta Maria Montessori in modo così bello: Lo sviluppo dell'abilità manuale è legato allo sviluppo dell'intelligenza e, storicamente, allo sviluppo della civiltà. Quando le persone pensano, muovono le mani. Perciò il bambino in via di sviluppo deve essere costantemente in movimento, essere attivo, guardare, pensare, considerare. C'è sempre qualcosa da fare. Non è importante per lui quello che sanno gli altri. Il bambino vuole imparare da sé, sperimentare il mondo da sé, conoscerlo attraverso i propri sforzi.

Già conosciuto?

  • Numerosi studi mostrano ora che anche i bambini si comportano come "piccoli scienziati" e quindi esplorano il loro ambiente. Proprio come gli scienziati, mettono alla prova le ipotesi cercando di imitare le cose che hanno appena visto.
  • Sulla base degli uccelli canori si potrebbe dimostrare - gli uccelli canori imparano letteralmente a cantare - che i neuroni che sono cresciuti possono imparare. Compiti nuovi e difficili sono molto importanti per il processo di apprendimento. In altre parole: quando impari qualcosa si creano nuove connessioni neurali. Questa è la scoperta più importante nella ricerca sul cervello negli ultimi 40 anni.
  • Il cervello è in continua evoluzione. Questa proprietà speciale del cervello è chiamata neuroplasticità. Quindi cosa non è possibile: usare il cervello e credere che lì non avvenga alcun cambiamento. Quindi non puoi giocare a giochi sparatutto in prima persona per tre ore al giorno e rimanere la stessa persona.
  • Investire nell'istruzione è particolarmente redditizio nell'età dell'asilo, perché i bambini dell'asilo imparano semplicemente più velocemente.
  • Indipendentemente dall'età, per il cervello umano vale sempre quanto segue: più c'è dentro, più si adatta ancora!

Giocare e soprattutto fare con le mani favorisce lo sviluppo. E i giocattoli in legno di Natureich, con i loro diversi colori, forme e superfici, incoraggiano la naturale giocosità dei bambini. La cosa migliore da fare è farsi un'idea della nostra vasta gamma.

Leggi nella nostra terza parte: Le materie scolastiche di domani - Parte 3: Lo sport e la magia del movimento


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione